Articolo de “Il Gazzettino di Padova”


Coalizione esce dalla città

CADONEGHE Amministrative 2019: nasce Coalizione Civica per Cadoneghe.

Sulla scia dell’esperienza padovana in occasione delle elezioni che hanno portato alla vittoria il sindaco Sergio Giordani, un gruppo di cittadini ha deciso di duplicare il progetto. Portavoce di Coalizione è Giovanni Petrina, 53 anni, vicesindaco durante il secondo mandato di Mirco Gastaldon. Per presentarsi, il gruppo ha scelto il parco davanti alle ex officine Breda, in via Bordin. «La Breda, la più importante fabbrica di Cadoneghe, attiva dal 1938 al 1993, rappresenta il legame con la storia del lavoro e delle lotte politiche del paese – ha esordito Petrina – e la scelta di presentarci qui, davanti all’attuale degrado delle strutture di ciò che resta della cosiddetta “cattedrale”, è per partire con un nuovo impegno di rigenerazione urbana e di progettazione condivisa. Nasciamo per simpatia e affinità con Coalizione Civica di Padova e anche noi ci collochiamo dentro l’area culturale del centrosinistra”. Per ora si tratta di un gruppo di lavoro e di studio, ma l’ambizione va già lontano.

“Intanto abbiamo già un pensiero lungo, ovvero pensare come può essere Cadoneghe tra dieci anni: una città sostenibile, innovativa, inclusiva e viva, un luogo migliore da poter consegnare ai nostri figli e nipoti, un luogo in cui ognuno di noi possa vivere meglio”.

 

Il metodo

In tandem con i cugini padovani, Coalizione Civica per Cadoneghe si basa “sul metodo della partecipazione e della condivisione che vede nel patto per la città un patto tra cittadini che la abitano, tra le generazioni – ha aggiunto Chiara Gallani, assessore cittadino all’Ambiente – fare rete tra le varie realtà del territorio per elaborare proposte ed un confronto aperto: con entusiasmo e determinazione, i risultati poi arrivano”. Nicola Rampazzo, capogruppo di Coalizione Civica a Palazzo Moroni, ha aggiunto che “è importante per noi contribuire a costruire questo nuovo modo di fare politica per ristabilire i rapporti con i cittadini”.

Il gruppo ha già individuato quattro macro-aree sulle quali lavorare per la scrittura di un programma da presentare alle elezioni amministrative del prossimo anno: rigenerazione urbana (mobilità, comunità e ambiente), welfare (politiche sociali, cultura e sport), legalità e sicurezza, lavoro, imprese e commercio. Particolare attenzione verrà riservata ai giovani come Michele de Tommasi, studente, che ha deciso di impegnarsi in questo gruppo. “Ho accettato questa proposta perché è continuativa con il mio percorso di studio e collima con il mio pensiero politico”.

“I prossimi passi saranno un incontro a fine giugno con le altre forme civiche del territorio – ha concluso Petrina – e da settembre inizieranno gli incontri per produrre materiali, creare un gruppo di civici e arrivare alle elezioni del 2019 con un candidato di Coalizione Civica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *